Home > Informatica > PlayStation 3: in dirittura d’arrivo la “modifica”? Pare proprio di si…

PlayStation 3: in dirittura d’arrivo la “modifica”? Pare proprio di si…

Da qualche mese sto cercando di seguire le evoluzioni ed i rumors che attengono la famosa modifica all’ultima console di casa Sony: la PlayStation 3. Ci tengo a precisare, sin da subito, che sono assolutamente contrario alla pirateria, anche se ci sarebbe da spendere due parole sul costo spropositato dei videogames, ma non è questo il momento di farlo e non è la notizia che voglio riportarvi.

Il mio interesse per la PlayStation 3 è legato quasi esclusivamente alle enormi potenzialità di una console che ha un processore Cell che racchiude la bellezza di 8 core. Immaginate di avere tra le mani un aggeggio con 8 processori a 3,0 Ghz e capirete subito di quale potenza di calcolo stiamo parlando. Aggiungete, poi, la possibilità di installare Linux e, quindi, di personalizzare qualsiasi aspetto del sistema operativo ed il risultato è presto individuato. Ci sono alcuni studi sulla PS3 che, addirittura, dimostrano come un cluster di diverse console Sony riuscirebbe a superare di gran lunga la potenza di calcolo di costosissimi cluster “tradizionali” (se cercate su internet “playstation 3 cluster” troverete molti link interessanti).

Da quanto vi ho detto è evidente che la Playstation 3 si spinge molto oltre rispetto al solo gaming. Eppure, pare che la console di cui qui si discute, manchi di una possibilità: far avviare applicazioni personalizzate direttamente dal sistema operativo di casa Sony. Inoltre, attualmente, non è possibile avviare copie di backup dei propri costosi giochi, cosicchè dobbiamo custodire per bene i BluRay che acquistiamo se non vogliamo rovinarli e doverli riacquistare. Quest’ultimo problema pare che la Sony voglia risolverlo con le future release del firmware, ma nel frattempo un modo alternativo potrebbe essere quello di avere una modifica (hardware o software – si propende per quest’ultima) che permetta di bypassare il controllo sull’originalità del BluRay o di altro software in memoria (hdd o sd) e far partire applicazioni anche non firmate dalla Sony. E’ quella che viene chiamata “LA MODIFICA:)

Nel recente passato si sono susseguiti tantissimi “fake” in merito a vari metodi per permettere di far partire copie di software non protetto. Ma adesso le cose stanno cambiando. Ci si sta muovendo su due fronti: da un lato si cerca di far avviare le console con il firmware usato dagli sviluppatori (il firmware di debug) in quanto su quest’ultimo sarebbe già possibile far partire software non firmato. Dall’altro si cerca di scrivere un “loader” che permetta di far avviare il software non firmato anche da un supporto diverso rispetto al disco BluRay. Nel primo caso, il firmware di debug pare che si riesca ad installare sulle console non dedicate ai test, il problema è che non tutte le sue funzioni sono utilizzabili. Nel frattempo eccovi il video dove viene mostrato l’avvio di un gioco da una scheda SD. La fonte di questo video è altamente affidabile. Si tratta del noto sito PS3News :

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Categorie:Informatica
  1. Nessun commento ancora...
  1. 27 maggio 2008 a 13:09 | #1
  2. 27 maggio 2008 a 13:12 | #2
  3. 27 maggio 2008 a 13:16 | #3
  4. 27 maggio 2008 a 13:20 | #4
  5. 19 giugno 2008 a 18:45 | #5