Home > Informatica, Linux Admin, Open Source-Free Software > [Guida]Realizziamo un server a basso costo per mail, torrent e condivisione files (Introduzione)

[Guida]Realizziamo un server a basso costo per mail, torrent e condivisione files (Introduzione)

Fino a pochissime settimane fa avevo un server a casa per la gestione della posta elettronica personale, della condivisione dei files e la gestione del P2P centralizzata. L’egregio lavoro era svolto da un riciclato AMD XP2800+ che, nonostante la sua ormai veneranda età, mi ha dato non poche soddisfazioni. Peccato che da quando è accesa questa macchina, le bollette dell’energia elettrica sono diventate davvero salate. Dunque, è venuto il momento di cambiare aria e realizzare un server a basso costo di acquisto e di gestione. In questa guida a puntate vi mostrerò come procedere.

Innanzitutto è utile partire da qualche dato: ho deciso di realizzare questo sistema con hardware che costa relativamente poco, sfruttando qualche pezzo del mio vecchio server (l’hard disk in particolare) e puntando tutto sul risparmio energetico e su costi di gestione, perciò, molto bassi. Partendo da questa volontà, sono poi passato a pensare a quali servizi avrei voluto offrire con questo server. Ovviamente il mio obiettivo è quello di fornire servizi alla mia LAN casalinga e la scelta è stata improntata, quindi, alla sostituzione del vecchio server che gestiva la mia posta elettronica personale con il fetching dalle varie caselle e controllo antispam/antivirus, client bittorrent accessibile via web per scaricare le varie distribuzioni GNU/Linux ed il software libero disponibile ed, infine, file server casalingo per avere risorse condivise per la famiglia.

La scelta delle componenti da usare per realizzare il progetto non è stata poi troppo ardua. Subito, infatti, ho compreso di poter procedere con l’acquisto una scheda embedded ALIX 3D2. I motivi principali per cui usare una tale scheda sono svariati: 1) consuma solo 5 watt! 2) ha 256 MB di ram DDR e processore AMD Geode LX800@500Mhz; 3) ha un’ottima capacità di gestione di periferiche aggiuntive avendo in dotazione 2 porte USB, 2 MiniPCI, un lettore compact flash e porta seriale; 4) costa relativamente poco ed è abbastanza performante per i miei scopi; 5) scontato dire che ha una scheda di rete ethernet 10/100.

L’acquisto di questo aggeggio, come al solito, non può avvenire tramite i negozi online italiani e, quindi, mi sono dovuto rivolgere ad un rivenditore straniero. Nel mio caso mi sono rivolto a Tronico.net, sito tedesco specializzato nella vendita di tali prodotti e, devo dire la verità, mi piace nominarlo perchè sono stati davvero eccezionali… pensate che è il negozio che aveva i prezzi più bassi, tutto in magazzino e, badate bene, in soli 6 giorni dal pagamento mi è arrivato tutto il materiale! Non c’è nulla da fare, i tedeschi sono un altro popolo!

Detto questo, la spesa complessiva ha riguardato l’acquisto della scheda madre, il mini-case e l’alimentatore presso Tronico al prezzo complessivo di circa 151 Euro spese di spedizione comprese. Poi ho aggiunto una scheda compact flash da 4 GB dal costo di 17 Euro ed, infine, un hard disk esterno USB riciclato tra i tanti pezzi che avevo a casa e necessario per usarlo come mass-storage per il file server.

Direi che la spesa non è stata eccessiva e sono certo che recupererò questi soldi in un annetto di bollette dell’energia elettrica ;)

Dopo che il materiale mi è arrivato a casa, ho iniziato a lavorarci su. Gli obiettivi che voglio raggiungere ve li ho già scritti. Come dati in aggiunta a quanto detto prima, vi anticipo quali software userò. In primo luogo, il sistema operativo sarà una distribuzione Debian GNU/Linux in versiona stabile (etch) ma con kernel (2.6.26) di una distribuzione nata in maniera specifica per le schede Alix: Voyage GNU/Linux. Come server di posta elettronica utilizzerò Postfix in “collaborazione” con Dovecot, Fetchmail, DSPAM, Clamav Antivirus e RoundCube Webmail. Ancora, come client torrent via web mi affiderò a torrentflux librerie Rasterbar con client web BTG ed, infine, per il fileserver mi affiderò al fantastico samba.

Direi che per ora è tutto. Non vi resta che attendere le restanti parti di questa guida per realizzare anche voi un server casalingo o per un piccolo ufficio a bassissimo costo!

  1. FAbio
    26 gennaio 2009 a 18:13 | #1

    Ben tornato, era da un bel po’ non scrivevi.
    Sei tornato in grande stile con una nuova guida delle tue. Mi raccomando continua cosi :)

  2. Silvio
    26 gennaio 2009 a 19:12 | #2

    ciao
    la guida sembra molto interessante.
    potresti specificare cosa è questa scheda ALIX?
    grazie

  3. stefano
    26 gennaio 2009 a 20:16 | #3

    @ FAbio:
    Eh si, è da un bel po’ che non scrivo… il tempo è tiranno!
    Cmq riprenderò a scrivere un po’ più di frequente e… sono in fase di ultimazione alcune delle parti di questa “guida a puntate” ;)

    @ Silvio:
    Silvio,
    della ALIX ho scritto le caratteristiche nell’articolo ed ho postato anche un link al produttore. Ad ogni buon conto posso dirti che si tratta di una scheda madre low cost con integrato: un processore con architettura x86 (32 bit) prodotto dalla AMD – modello GEODE lx800@500Mhz, 256 MB di ram DDR, 2 slot MiniPCI, 2 porte USB, una porta seriale, una scheda di rete 10/100 e un lettore di compact flash. Ha delle dimensioni davvero molto ridotte ed il modello che ho preso io (3d2) è privo di uscita VGA (per avere quest’ulitma caratteristica basta spendere circa 10 euro in più e prendere il modello 3d3).
    Altre caratteristiche fondamentali sono la totale assenza di ventole (quindi zero rumore) ed un consumo di circa 5 watt :)

  4. 26 gennaio 2009 a 21:48 | #4

    Non vedo l’ora di leggere i prossimi post ;)

  5. stefano
    27 gennaio 2009 a 0:24 | #5

    @ Serverless:
    :) Diciamo che è già pronta anche la “Parte 1″… la sto cuocendo per benino prima di postarla… è in forno! :D

  6. Tomas
    27 gennaio 2009 a 2:51 | #6

    Ciao! Interessantissima guida :D Attendo fiducioso il resto ^_^
    Potresti, quando hai modo e se concordi sull’utilità, postare elenco/link di tutti i materiali che hai acquistato per assemblare il gingillino che utilizzerai?

    Poi un’info semi-ot… ricordo che qualche tempo fa pubblicasti una guida per creare un mediacenter con un programma opensource…la domanda è, che tipo di “macchina” è necessaria per creare un piccolo mediacenter da tenere in salotto collegata alla tv? (ho un hard disk multimediale ma è pieno come un uovo…) Potrebeb risultare ottimale la stessa macchina che qui proponi come server? (dandogli quindi una doppia funzione, server & mediacenter)

    Nel caso la seconda parte del mess risultasse problematicamente ot cancella pure, ma se poi riesci a rispondermi in mail almeno mi faresti un favorone ^_^

    Ciao!

  7. stefano
    27 gennaio 2009 a 11:09 | #7

    @ Tomas:
    Sono contento che reputi interessante la guida e vedrò di pubblicare (magari alla fine, poi vediamo) anche i vari pezzi che ho comprato in dettaglio.

    Per quanto riguarda la tua “domanda OT”… dipende molto da cosa vuoi fare esattamente. Se vuoi streammare e magari collegare perifieriche come decoder satellitare e simili allora posso dirti che questa scheda non fa al tuo caso. Insomma, per farla breve, come server multimediale vero e proprio non la vedo proprio benissimo… soprattutto se vuoi farci *anche* questo oltre a quello che spiegherò nelle guide.
    Se invece ti accontenti di mantenere sul disco esterno collegato alla Alix anche i files multimediali e magari preparare un bel VLS (VideoLan Server) allora penso che si può fare… anzi… è una delle aplicazioni che vorrei provare subito dopo aver finito la preparazione di quello che vi ho indicato in guida ;)

  8. Max
    27 gennaio 2009 a 12:50 | #8

    consiglio exim invece di postfix
    la configurazione per debian è molto ma molto ma molto più semplice.
    antivirus e antispam sono integrati installando solo exim-daemon-heavy (e i pacchetti clamav e spamassassin)
    attivando poi le funzionalità di greylisting ho ridotto lo spam quasi a zero, il tutto davvero in modo molto semplice.
    Max

  9. stefano
    27 gennaio 2009 a 13:02 | #9

    @ Max:
    :) Non so in base a cosa dici che è molto più semplice… vi mostrerò nei prossimi articoli che la conf di postfix, oltre ad essere semplice, è molto flessibile.
    Personalmente ritengo che exim sia un ottimo server, ma Postfix è nettamente superiore su molteplici punti di vista.
    Spamassassin è deprecabile per una macchina come la Alix: consuma troppa RAM ed impegna troppo il processore. Molto meglio DSPAM che, anche senza greyliting, è potentissimo! Ma non farmi anticipare altro… vi spiegherò tutto a tempo debito!

  10. Tomas
    27 gennaio 2009 a 15:37 | #10

    @ stefano:
    Mi hai fatto venire un dubbio…la configurazione che hai proposto comprende anche un hard disk “interno” oppure sia il s.o. che i dati sono salvati su hd esterno?
    Cmq quel che volevo realizzare consisterebbe più che altro in quel che fa un hd multimediale “classico”, salvare sull’hd interno (che ovviamente nel mio caso andrebbe preso piuttosto grande) film e musica (magari trasferendoli via wireless) collegare “il gioiellino” alla tv per i film e magari alle casse per riprodurre la musica…
    (VideoLanServer intendi semplicemente un pc in rete che mantenga in memoria dei video che verranno riprodotti dagli altri pc di rete “leggendoli” dall’hd del server, right?)

    Grazie ^_^

  11. stefano
    27 gennaio 2009 a 17:53 | #11

    @ Tomas:
    Il sistema che ho propoto prevede l’uso di una scheda Compact Flash per il sistema operativo ed un hard disk esterno per la memorizzazione dei dati.
    Considera che volendo potresti comprare uno dei moduli wireless che vanno su miniPCI ed integrare anche il wireless direttamente su Alix… al contrario, l’hard disk interno ancora non mi sono informato sul se possa essere inserito e come.
    Per videolan server intento la versione server di Videolan client (meglio conosciuto come VLC) ed hai capito a cosa mi riferisco!

  12. Max
    27 gennaio 2009 a 18:06 | #12

    @ stefano:
    mah, dico che è semplice perchè si tratta solo di installare i pacchetti e modificare un parametro in /etc/default/spamassassin ed attivare l’uso di clamav nei file di configurazione di exim4 (modifica di una riga) per attivare clamav e spamassassin e per aver tutto funzionante.
    io confesso di non avere mai usato postfix in modo approfondito; dovendo gestire solo un dominio di posta non ho mai avuto necessità del supporto multidominio, mysql ecc. ecc. che rendono postfix interessantissimo in certi ambiti, ma la assoluta non necessità di configurazione di exim su debian mi pare davvero ardua da superare :)
    qui un riferimento per controllare :)
    http://edin.no-ip.com/content/exim4-clamav-spamassassin-greylistd-debian-etch-mini-howto

    in quanto alla pesantezza di spamassassin, credo dipenda dal carico del server. per un server casalingo con pochi utenti e qualche centinaio di mail al giorno anche le mb della pc engines dovrebbero essere sufficienti; in fin dei conti il mio primo server mail su cui girava spamassassin era un pentium 133; mi sono accorto che era saltata la ventola del processore dopo qualche anno, ma non mi ha mai dato un solo problema :)

    comunque attendo anche io la tua guida con interesse, facci sapere presto :)

  13. stefano
    27 gennaio 2009 a 19:09 | #13

    @ Max:
    Molto interessante il link ed è bello avere informazioni come quelle che hai dato.

    Mi costringi ad anticipare un’altra info :D
    Postfix l’ho configurato senza nessun tipo di ricorso a mysql :) E, ad ogni modo, anch’esso funziona “as is” dopo averlo installato con apt-get… io ho ritoccato la conf per farlo andare con dspam, autenticazione sasl e qualche altra piccola cosetta che vi mostrerò!

    Stay tuned!

  14. 27 gennaio 2009 a 23:14 | #14

    Ottimo tip (specie il link Tronico) ma se avessi optato per una soluzione Intel Little Falls 2 con cpu Atom integrata, avresti ottenuto un miniserver estremamente più performante di un geode, al costo di 20-25watt in carico di consumo e ad un prezzo leggermente superiore;)
    - mobo Little Falls 2 miniITX con cpu, vga, ethernet etc: 77€
    - case Aopen 59€ o case Galantic 95€ incluso PSU
    - 2 Gb RAM 667Mhz: 18€
    - hd sata o CF a scelta;

    Ma probabilmente per quello che devi farci la tua soluzione è cmq ottimale.

  15. stefano
    27 gennaio 2009 a 23:22 | #15

    eldino wrote:

    Ma probabilmente per quello che devi farci la tua soluzione è cmq ottimale.

    Esatto! :)

  16. 28 gennaio 2009 a 11:28 | #16

    Ottimo.Proprio quello che cercavo.
    Ma mi hai lasciato con l’acquolina in bocca postando solo l’introduzione della tua guida :-)
    Attendo con ansia le restanti parti.
    Ciao e buon lavoro.

  17. stefano
    28 gennaio 2009 a 20:51 | #17

    @ Omar:
    ;)

    Mi rendo conto di avervi lasciato un po’ in sospeso… sto scrivendo ancora… ti assicuro che non è facile, ma siate pazienti e sarete ripagati! (almeno spero!) :D

  18. Tomas
    29 gennaio 2009 a 4:00 | #18

    Stavo cercando di farmi un’idea sui prezzi sul sito che hai segnalato…
    Ma è tutto in tedesco >_<
    E non trovo il classico “cambia lingua in inglese”….
    E di tedesco non parlo mezza sillaba…
    Alternative sempre economiche che ammettano l’ignoranza del krukkese?

    Denghiu :P

  19. Marco
    30 gennaio 2009 a 11:31 | #19

    Cercavo da tempo una soluzione simile a questo prezzo!
    Grazie mille x la guida, attendo le prossime parti con impazienza..
    Una domanda: nn trovo da nessuna parte le specifiche a rigardo delle porte usb della alix, sono usb 1.0 o 2.0?

    Aggiornamenti: la alix 3d2 e’ stata rimpiazzata con la alix 3c2 che ha le stesse caratteristiche.
    se possono essere utili ecco i link agli oggetti che intendo comprare su tronico

    MB alix 3c2 100 euro

    alimentatore 7,50 euro

    case 12 euro

  20. stefano
    30 gennaio 2009 a 12:06 | #20

    @ Marco:
    Mi dispiace doverti contraddire, ma la alix 3c2 è stata sostituita dalla 3d2. Le principali differenze tra le due versioni le leggi qui:
    http://www.pcengines.ch/alix3d2.htm

    Per quanto riguarda le porte USB, queste dovrebbero essere 2.0, ma controllo meglio stasera a casa e ti confermo.

  21. stefano
    30 gennaio 2009 a 12:10 | #21

    @ Tomas:
    Hai provato a vedere nell’elenco degli shop su pcengines?:
    quarda qui

  22. marco
    30 gennaio 2009 a 12:15 | #22

    ehm si in effetti hai ragione ho fatto un po’ in fretta e mi son confuso…
    Non trovavo la 3d2 su tronico e allora ho supposto la sostituzione :D

    allora ecco il link alla 3d2

    ALIX 3d2 110 euro

  23. marco
    30 gennaio 2009 a 12:20 | #23

    ah dimenticavo… sul sito tronico le indica come usb 2.0 (nella 3d2 ma nn nella 3c2)
    avessi trovato prima la 3d2… :D

  24. 4 marzo 2009 a 19:37 | #24

    Complimenti ottimo lavoro !
    Proprio la guida che cercavo.
    Per soddisfare la mia curiosità di smanettone vorrei mettere assieme un server del genere da usare come server DNS e magari Apache2 con php.

    Ho visto che esiste pure la 3d3 (che ha in più VGA e audio).
    La differenza di prezzo irrisoria.
    Quale mi consigliate ?
    Grazie per le vostre risposte.
    Hermes

  25. stefano
    7 marzo 2009 a 20:08 | #25

    @ Hermes:
    scusa per la tardiva risposta… sono stato senza connessione per diversi giorni.
    Sono contento che la guida ti piaccia e ti serva…
    per quanto riguarda la scelta tra 3d3 e 3d2 dipende molto da cosa devi farci… se leggi nei commenti se n’è discusso ;)

  26. 8 marzo 2009 a 5:22 | #26

    Grazie mille per la risposta.
    Non c’è niente da scusarsi, anzi io dovevo leggere meglio i vari commenti.
    Ma nella foga …, comunque ho ordinato la 3d3.
    Non so ancora cosa ne voglio fare di preciso.
    Lo scopo principale è quello di smanettare provando qualche cosa di nuovo.
    Inoltre vorrei allontanarmi dal mondo M$ (ci lavoro da 30 anni) e passare a Linux.
    Forse installerò il mio sito web ed il server DNS che ora ho già migrato da W2K server ,con asp, a Ubuntu server, con php, (su una macchina virtuale in hosting XP).

    Stiamo a vedere ….

  27. Alessandro
    9 marzo 2009 a 16:48 | #27

    Ciao Stefano, grazie mille per la guida che è a dir poco eccellente!!

    Ecco cosa mi trattiene ancora dall’acquisto di una Alix:
    avrei bisogno che il mio server faccia anche da Access Point Wireless ma sono a conoscenza che linux è abbastanza problematico in fatto di AP.

    Ho letto in un commento precedente…

    [...]Considera che volendo potresti comprare uno dei moduli wireless che vanno su miniPCI ed integrare anche il wireless direttamente su Alix[...]

    …e volevo sapere se alix e il SO riconosceranno correttamente qualsiasi schedina (se avete qualche consiglio in particolare ditelo pure) e se sarà possibile configurare un AP con Voyage Linux.

    Spero proprio di siiiiii.
    Buona giornata e buon lavoro ;)

  28. stefano
    10 marzo 2009 a 0:41 | #28

    @ Alessandro:
    ciao e grazie.

    In genere le schede miniPCI che vendono i rivenditori alix sono supportate dalla mainboard… diverso discorso è per il sistema oeprativo… qui dipende dal chipset della scheda wireless… google ti è amico ;)

    Per quanto riguarda la creazione di un access point con linux… io nn l’ho mai fatto, ma sono certo al 101% che si può fare!

  29. mickele84
    30 marzo 2009 a 16:00 | #29

    Ciao complimenti per il post!
    Vorrei farti alcune domande:
    Io vorrei utilizzare un alix 3d3 come “muletto”.
    Visto che dovrei ancora acquistarlo vorrei chiederti se arriva a reggere una interfaccia grafica (ad es. Debian+ fluxbox).?
    Il motivo dell’utilizzo dell’interfaccia grafica è dovuto al fatto che spesso scarico file da rapidshare o da megaupload con programmi tipo jdownloader,rapget o simili.
    Grazie in anticipo della risposta

  30. stefano
    30 marzo 2009 a 18:56 | #30

    @ mickele84:
    In linea di massima non dovresti avere problemi… se non sbaglio la distribuzione iMedia Linux, fatta anche per sistemi Alix, usa proprio Fluxbox!

  31. mickele84
    30 marzo 2009 a 20:42 | #31

    @ stefano:
    Grazie mille della risposta! Allora ordinerò dal sito Tronico (Quello che hai consigliato te)Prenderò un alix 3d3
    !Ti volevo fare un’altra domanda (visto che il mio tedesco è veramente pessimo…).

    Come funziona la garanzia del sito?Il prodotto è in garanzia 1 o 2 anni?
    Grazie ancora delle risposte!

  32. stefano
    30 marzo 2009 a 23:33 | #32

    @ mickele84:
    Sarò sincero… non so come funziona la garanzia! 1 anno è certo.. per il secondo nn saprei dirti.
    Ad ogni modo, prova a cercare anche su altri siti oltre a Tronico.. magari trovi offerte migliori ;)
    La lista dei siti dove acquistare la trovi qui:
    http://www.pcengines.ch/order.php

  33. mickele84
    31 marzo 2009 a 15:02 | #33

    @ stefano:
    Ok,grazie mille gentilissimo!Vedrò di fare qualche conto,o se vale la pena aspettare l’uscita del Sheeva Plug http://www.geeky-gadgets.com/?p=11207
    ciao ciao

  34. Danilo
    4 maggio 2010 a 18:19 | #34

    ciao vorrei comperare questa mainboard ma per montarlo oltre a questa scheda, il case l’alimentatore cosa mi servirà?

  35. stefano
    4 maggio 2010 a 22:07 | #35

    Servirà anche la scheda di memoria. Ti sconsiglio la Compact flash e ti consiglio uno di quei drive tipo hard disk allo stato solido perchè durano molto di più ;)

  36. Danilo
    4 maggio 2010 a 23:10 | #36

    potresti darmi qualche indirizzo dove trovarli? o qualche nome?

  37. Danilo
    4 maggio 2010 a 23:13 | #37

    ah e in una alix 3d3 si puo’ inserire un normale hard disk?

  38. Andrea
    23 giugno 2011 a 10:37 | #38

    Salve a tutti. Avrei anche io intenzione di acquistare una alix2d13 e mettere anche l’hd. Mi sovviene però un dubbio sulle modalità di installazione data l’assenza di VGA o cmq di connettori nella scheda madre. Come si può procedere all’installazione ad esempio di una ubuntu ? Devo fare tutto attraverso la porta seriale anche se non uso una CF ? O devo forse trasferire l’immagine dell’installazione sull’hd e quindi poi procedere al boot ?
    Grazie in anticipo

  39. stefano
    23 giugno 2011 a 11:04 | #39

    @Andrea:
    In primis, tieni presente che l’unico hard disk che puoi montare sarebbe su porta usb e in tal caso non riuscirai mai a fare il boot in quanto il bios della alix non supporta il boot da usb.
    Se vuoi fare una cosa figa per evitare di usare una CF, puoi comprare dei micro hard disk (in questo momento mi sfugge come si chiamano) che si installano sullo slot delle CF e ti consentono di superare i problemi di longevità bassa di queste ultime.
    In secondo luogo, non avendo una porta VGA non hai altra scelta se non quella di procedere all’installazione ed all’uso della alix tramite porta seriale :)

  40. Andrea
    23 giugno 2011 a 11:11 | #40

    Grazie per la risposta ! quindi il supporto hd è da considerare solo allo scopo di storage e non di boot. Certo questo cambia un pò tutto….Non conosci qualche altra scheda embedded che invece permetta di utilizzare un hd per il boot e magari abbia anche un connettore VGA interno, su cui collegare un cavo ad-hoc ?
    Grazie ancora

  41. stefano
    23 giugno 2011 a 11:33 | #41

    @ Andrea:
    E’ un piacere ;)

    Ti posso dire che al giorno d’oggi ci sono molte valide alternative low-cost sia in termini di consumo che di “investimento” iniziale.
    Tutto dipende da cosa devi farci. Ti serve un vero e proprio server o ti interessa fare conservazione dati e simili?
    Io sono passato ad utilizzare un mini-pc con processore dual-core Atom D510… poca spesa, tanta resa. Infatti consuma poca energia elettrica (nell’ordine dei 20-25 watt a pieno carico) e mi consente di avere la flessibilità di un computer/server.
    Se invece non hai pretese di fliessibilità particolari ti consiglio di dare uno sguardo ai sistemi di storage della qnap… nasconco come NAS ma di fatto sono dei veri e proprio serverini ;)

  42. Andrea
    23 giugno 2011 a 11:47 | #42

    ma diciamo che vorrei avere un buon sistema UTM , possibilmente fanless, che consumi poco ma che mi permetta di mettere le mani senza ogni volta andare a rifare immagini per le CF.
    Tu cosa hai preso come mini-pc ?

  43. stefano
    23 giugno 2011 a 11:58 | #43

    @ Andrea:
    Io ho cercato un assemblato basato su scheda madre Intel D510 (Atom dual core @1.60Ghz embedded). La marca non mi importava. Dopo una ricerca abbastanza lunga ne ho trovato su ebay uno completo di hard disk da 250 gb, 1 gb di ram (cui ne ho aggiunti altri 2 che avevo da parte) e masterizzatore dvd.

  44. Alessandro
    24 giugno 2011 a 18:11 | #44

    Per diminuire i cicli di scrittura sulla CF (e quindi aumentarne la vita) non sarebbe possibile installare Debian sull’HD USB e utilizzare Grub su CF per avviare il sistema?
    In questo caso la CF non verrebbe praticamente mai usata!
    È molto tempo che penso a questa soluzione ma, ahimè, non sono esperto come voi e non sono riuscito a combinare un bel niente :-(
    Tu Stefano, cosa ne pensi? Grub, o meglio Grub 2, sarebbe in grado di bootare il SO sull’Hard Disk esterno, anche se questo non viene visto dal Bios della Alix?

    Grazie ancora per questa super guida ;-)

  45. stefano
    24 giugno 2011 a 18:55 | #45

    @ Alessandro:
    Ciao Alessandro,
    onestamente non so se la tua soluzione è realizzabile. Così, a naso direi di no; perchè nel momento in cui grub si avvia sulla CF, l’hard disk USB ancora non è “visto” dal sistema e quindi dubito che si riesca a leggere il kernel da un device inesistente al boot :)

    Però, ripeto, la questione andrebbe approfondita.

    La soluzione migliore, però, ritengo che sia quella di comprare i mini hard disk di cui parlavo in precedenza. Si tratta, per capirci, degli stessi devices che si usano negli ipod per memorizzare la musica e i files multimediali; quelli non hanno grandi problemi di longevità :)

  46. Alessandro
    24 giugno 2011 a 22:10 | #46

    In effetti sembra proprio come dici tu, peccato!
    Speravo che con Grub 2 si potesse fare qualcosa, essendo più evoluto del legacy (che ho provato l’estate scorsa senza successo).
    In ogni caso credo sia possibile lasciare sulla CF la sola directory /boot (con il Kernel) e spostare tutte le altre sull’HD esterno, ma non saprei come fare… Non è semplice come con l’installer di Ubuntu!!

    Per quanto riguarda i microdrive non sapevo della loro esistenza prima del commento che hai scritto ad Andrea. Pomeriggio mi sono informato per bene e sembrano perfetti per lo scopo. L’unica cosa che non ho capito, è se una schedina come la Alix possa reggere la corrente molto più elevata che necessitano rispetto ad una tradizionale CF.
    Un tentativo si può sempre fare comunque ;-)
    Grazie per la risposta!

  47. 25 giugno 2011 a 11:13 | #47

    @ Alessandro:
    Un mio amico monta uno di questi microdrive su una alix… quindi dire che funziona regolarmente ;)

  1. 26 gennaio 2009 a 16:01 | #1
  2. 26 gennaio 2009 a 16:05 | #2
  3. 27 gennaio 2009 a 2:26 | #3
  4. 27 gennaio 2009 a 15:45 | #4
  5. 27 gennaio 2009 a 23:49 | #5
  6. 1 febbraio 2009 a 18:03 | #6
  7. 14 marzo 2009 a 13:28 | #7
  8. 12 maggio 2009 a 17:28 | #8