StefanoLaguardia.eu

OpenMoko non abbandona affatto gli smartphone Linux!

Nei giorni passati si sono succedute sui giornali online una serie di notizie completamente fuorvianti e che non raccontano tutta la verità in merito al progetto OpenMoko ed al primo smartphone completamente free: il FreeRunner. Queste notizie, che per dignità dell’importanza delle testate giornalistiche online evito di linkare, hanno fatto pensare che OpenMoko abbia abbandonato lo smartphone Linux, ma NON E’ VERO! Ecco la verità…

Del Freerunner vi avevo già parlato in altri ambiti qui, qui e qui poi, dopo averne parlato, l’ho anche comprato e devo dire che ne sono fiero. Non tanto fiero perchè funziona da dio, anzi, c’è ancora molto da fare, ma perchè mi sento protagonista di un passaggio storico nell’ambiente della fonia mobile che vede, per la prima volta nella storia dell’informatica, Linux approdare su uno smartphone progettato appositamente per tale scopo e per “regalare” un oggetto completamente libero. Inoltre, in Italia c’è una bellissima comunità, quella di telefoninux.org, dove ho conosciuto tantissime persone  che contribuiscono allo sviluppo del FreeRunner e che condividono una grande passione per l’informatica. Non a caso, l’iniziativa di scrivere questo articolo nasce proprio per riportare il comunicato che telefoninux.org ha scritto per smentire le strane e fuorviante voci che stanno dicendo che il progetto OpenMoko è morto!

Ma andiamo al dunque… Il FreeRunner è il nome dello smartphone prodotto da OpenMoko per essere comercializzato in larga scala poco meno di un anno fa. Esattamente era l’inizio dell’estate 2008. Il nome in codice della versione prodotta per essere venduta ad una larga schiera di appassionati e programmatori era (ed è) GTA02. Quando si acquistava nei primi periodi, lo smartphone arrivava con installata una distribuzione GNU/Linux che prendeva il nome dall’azienda che la produceva: OpenMoko. Sicuramente tale distribuzione era immatura per un uso del freerunner come daily phone, ma man mano che il tempo passava iniziavano a fioccare nuove distribuzioni, nuovi programmatori/sviluppatori e nuove prospettive.

Nel frattempo il progetto OpenMoko (che oltre ad essere il nome della prima distribuzione installabile sul Freerunner è anche il nome della società che produce e sviluppa software ed hardware) inizia lo sviluppo di una nuova versione hardware del FreeRunner che ovviasse ai problemi riscontrati dagli sviluppatori e dagli utilizzatori a livello hardware e non correggibili via software. Tale versione hardware prendeva il nome in codice di GTA03.

Tutto funzionava abbastanza bene fino ai mesi di febbraio e marzo 2009 che hanno visto OpenMoko perdere due importanti sviluppatori che hanno smesso di lavorare per la società che sviluppava il FreeRunner e la distribuzione OpenMoko (conosciuta come OM ed arrivata alla versione 2008.12). E’ vero… lo sviluppo iniziava a rallentare, ma dietro OM c’è una comunità mondiale che non ha smesso neanche un secondo di lavorare!

Peccato che ai principi di Aprile, OpenMoko abbia deciso di terminare lo sviluppo del GTA03! Non è un peccato in sè, ma è un peccato il come la notizia sia stata malamente riportata da importanti giornali online. Queste testate giornalistiche, evidentemente senza nulla conoscere del FreeRunner, hanno scritto che OpenMoko avrebbe abbandonato gli smartphone Linux, ma non è affatto vero! Hanno solo abbandonato, per il momento, lo sviluppo della nuova versione hardware, ma lo sviluppo di quello che già c’è continua. E, mi permetto di dire, continuerà e sarebbe continuato anche senza OpenMoko, perchè ci sono centiniaia di sviluppatori nel mondo che programmano per il FreeRunner! E’ la forza del Free Software!

Detto questo, non voglio dilungarmi, ma voglio riportare il comunicato stampa di telefoninux.org che, come detto, rappresenta la comunità italiana di sviluppatori/utilizzatori del FreeRunner e poi inserire i video del CEO di Openmoko, Sean Moss-Pulz, che ci racconta come stanno realmente le cose e ci dice che OpenMoko vorrebbe puntare anche su un altro progetto hardware 😉

L’abbandono del progetto GTA03 da parte di Openmoko ha dato il la per una lunga serie di notizie poco chiare e incomplete. Da queste, non può che risultare un’informazione limitata e fuorviante.
La comunità che utilizza e crede nel progetto OpenMoko ci tiene a precisare che la momentanea sospensione dello sviluppo del nuovo GTA03 non comporterà un abbandono totale dello sviluppo dell’attuale FreeRunner. Anzi, riteniamo che questa pausa debba essere vista come un qualcosa di utile e positivo, che permetterà agli sviluppatori e alla comunità di concentrarsi sul dispositivo attualmente in commercio.
Ognuno di noi, come la stessa casa produttrice, è convinto che il prodotto offerto dalla OpenMoko sia rivolto a un pubblico esperto e che non sia ancora maturo per una commercializzazione su larga scala. Questo ripensamento sarà un’ottima occasione per ultimare lo sviluppo di un software stabile e risolvere gli ultimi problemi che affliggono il prodotto, in modo da poter affrontare il futuro progetto GTA03, forti di nuove esperienze e sicuri di poter raggiungere il più vasto bacino d’utenza possibile.
La comunità italiana continuerà a supportare Openmoko come ha fatto in passato, certa dell’impegno delle corrispondenti straniere.

Ed ecco il video di Sean che parla del progetto OpenMoko e del suo futuro all’OpenExpo di Berna:

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Ti è piaciuto questo articolo? Abbonati alla newslettere per ricevere i nuovi articoli inseriti nel sito:


 

5 Responses

  1. Grazie per la precisazione, effettivamente le notizie apprese in rete riportavano tutt’altro e a chi, come me, non aveva controllato fonti più autorevoli era sembrato totale l’abbandono del progetto.

  2. stefano says:

    Andrea Olivato wrote:

    Grazie per la precisazione, effettivamente le notizie apprese in rete riportavano tutt’altro e a chi, come me, non aveva controllato fonti più autorevoli era sembrato totale l’abbandono del progetto.

    Sisi, lo so! Pensa che sono stati talmente tanti i quotidiani autorevoli che hanno diffuso la notizia in maniera errata che persino io mi ero avvilito nonostante conoscessi di più i fatti 🙂

  3. […] OpenMoko non abbandona affatto gli smartphone Linux! Author: admin | Categoria Blog Personale Nei giorni passati si sono succedute sui giornali online una serie di notizie completamente fuorvianti e che non raccontano tutta la verità in merito al progetto OpenMoko ed al primo smartphone completamente free: il FreeRunner. Queste notizie, che per dignità dell’importanza delle testate giornalistiche online evito di linkare, hanno fatto pensare che OpenMoko abbia abbandonato […] Vai alla Fonte […]

  4. […] OpenMoko non abbandona affatto gli smartphone Linux! Nei giorni passati si sono succedute sui giornali online una… […]

  5. Jaqueline says:

    OK, I’m going to play devils adacovte here. All of the following is just my opinion and I am by no means an expert. From what I understand 2007 was dropped because it was GTK only and it was felt that the platform should be more open and allow all toolkits (Qt and E). 2008 pulled lots of stuff from Qtopia in order to turn the freerunner into a useable smartphone as soon as possible. I guess this hasn’t gone a well as was expected but I feel like it is getting there and everybody was warned over and over again that this is a development release and not a replacement for a commercially available smartphone at this stage.Some people really objected to the dropping of the 2007 apps and wanted to keep them so they started the SHR project to keep these apps alive. This has nothing to do with Openmoko Inc.FDOM is just 2008 with extra apps and a few tweeks included, it can be compared to something like mythbuntu (a version of ubuntu using xfce for running mythtv) where optional packages and configuration is done for you to save time in setting up the sort of system you like. It’s not really a fork and will become unnecessary as time goes on.FSO is the future but it is not intended as a full distribution it’s a layer to allow applications to interface easiliy and cleanly with the hardware. In an ideal world this would have been under development from the beginning but it’s easy to criticise with the benefit of hindsight. FSO is also not just about the freerunner it is intended as the model for future hardware (not just from FIC) to allow trivial porting of apps to all FSO compliant phones. I think that the next big release (2009?) will use FSO as the base and be the start of the final Openmoko distribution, but there will always be alternatives, that’s what open-source is all about.Creating a truly open-source phone platform is a monumental task, Openmoko are battling closed-hardware and every user wants something different. It shouldn’t really be a surprise to anyone that there has been fragmentation, this project will take years but has the potential to make a real difference to mobile computing and communication.I am not saying that everything is perfect, clearly there has been some in-fighting at OM and good people have come and gone because of it. I’m sure that it’s difficult to get an answer out of OM but that’s probably because there are a couple of dozen of them and thousands of us They want to spend their time fixing bugs and writing code and not answering emails. They don’t have an army of tech-support monkeys like the Nokias of this world to get back to everyone with a personal reply. Yes this is frustrating when you have a simple problem but also understandable if you think about it from their side.OK, I’ve rambled on for long enough.

Comments

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.