Home > Informatica, Linux desktop, Open Source-Free Software > [LXDE] Pcmanfm 0.9.10 su Debian Wheezy per aggirare il bug #605760

[LXDE] Pcmanfm 0.9.10 su Debian Wheezy per aggirare il bug #605760

Se siete, come me, dei felicissimi neo-utilizzatori del Desktop Environment LXDE e se, come me, non usate altra distribuzione GNU/Linux al di fuori di Debian, avrete certamente notato che il file-manager pcmanfm di LXDE pacchettizzato su Debian Wheezy è affetto dal notorio e noiosissimo bug #605760 che penalizza non poco l’esperienza d’uso di questo fantastico e leggerissimo Desktop Environment. Ho deciso pertanto di scrivere un piccolo how-to per spiegare come installare l’ultima versione di Pcmanfm ed aggirare il bug.

Il bug #605760 risale alla fine del 2010 ed affligge, a quanto pare, soltanto le installazioni di debian su piattaforma a 64bit. I problemi che si riscontrano non sono di scarso rilievo in quanto consistono nell’impossibilità di avviare il file-manager senza un preventivo comando di “uccisione” (killall) di pcmanfm. Procedendo in tale ultimo modo, tuttavia, le icone presenti sul desktop scompaiono definitivamente ed è impossibile modificare lo sfondo del desktop. Potete ben capire che il bug è decisamente noioso e rende l’esperienza d’uso di LXDE abbastanza frustrante, nonostante il DE sia veramente consigliabile… Dato che non voglio rinunciare ad usare questo Desktop Environment, ho deciso di ricompilare i sorgenti dell’ultima release stabile di pcmanfm (0.9.10) e di condividere in che modo aggirare il problema del bug nell’attesa che il team di Debian provveda a rilasciare un pacchetto ufficiale aggiornato. Come vedrete i passi da seguire sono pochi e molto semplici.

  • Preparazione della ricetta

Per poter compilare pcmanfm, abbiamo bisogno di installare preventivamente le librerie menu-cache ed abbiamo bisogno altresì di prelevare i sorgenti di libfm e di pcmanfm. Quanto al primo requisito, fortunatamente in Debian Wheezy è disponibile il pacchetto .deb nella versione corretta e, dunque, lo installaremo con i classici aptitude o apt-get… vedremo in seguto come fare.

Nel frattempo conviene prelevare i sorgenti di libfm e di pcmanfm. Nel momento in cui scrivo tali software sono giunti alla versione 0.1.17 e 0.9.10 e potete scaricarli da qui e da qui .

Terminato il download, possiamo procedere con l’installazione prima di libfm e, successivamente, di pcmanfm.

  • Installazione di libfm

Apriamo un terminale e installiamo i pacchetti necessari a compilare libfm:

$ aptitude install libmenu-cache1-dev
$ aptitude install libdbus-glib-1-dev

L’installazione di libdbus è necessaria per abilitare le funzionalità fornite da udisks (sul quale non mi soffermo).

Successivamente, possiamo procedere con la compilazione di libfm. Sempre da terminale, raggiungiamo la directory dove abbiamo scaricato i pacchetti libfm e pcmanfm con il classico comando cd. Nel mio caso i sorgenti si trovano nella directory downloads in home:

$ cd downloads
$ tar xzvf libfm-0.1.17.tar.gz
$ ./configure –enable-udisks –sysconfdir=/etc
$ make
$ sudo make install

Se non abbiamo avuto errori (come credo) possiamo procedere all’installazione di pcmanfm.

  • Installazione e configurazione di pcmanfm

In primo luogo installiamo il pacchetto intltool indispensabile per la successiva compilazione di pcmanfm:

# aptitude install intltool

A questo punto possiamo procedere con la decompattazione e compilazione di pcmanfm da terminale:

# mv /usr/bin/pcmanfm /usr/bin/pcmanfm_bck
# ln -s /usr/local/bin/pcmanfm /usr/bin/pcmanfm

Dobbiamo, poi, effettuare un link alle nuove librerie di libfm poco prima compilate. Queste ultime, infatti, sono state volutamente inserite nella dir /usr/local/lib/ al fine di evitare la sovrascrittura di eventuali librerie già presenti (in realtà non ce ne sarebbe stato bisogno). Pertanto, prima i riavviare LXDE e godere del nuovo pcmanfm, dobbiamo digitare, sempre fa terminale e da utente root, i seguenti comandi:

# ln -s /usr/local/lib/libfm-gtk.so.1 /usr/lib/libfm-gtk.so.1
# ln -s /usr/local/lib/libfm.so.1 /usr/lib/libfm.so.1

A questo punto non dobbiamo far altro che riavviare LXDE e iniziare a goderci appieno il nostro nuovo Desktop Environment ;)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti sui nuovi articoli pubblicati sul blog: